Home » Eventi » Vladimir Luxuria apre il Genova Gay Pride

Vladimir Luxuria apre il Genova Gay Pride

Vladimir Luxuria sarà nel capoluogo ligure martedì 9 giugno per aprire il Genova Gay Pride, del quale è madrina, con un evento simbolico a sorpresa: la presentazione del suo nuovo libroLe Favole Non Dette“, presso il Palazzo Ducale sala del Minor consiglio alle ore 21.

Nell’occasione è stata anche illustrata la guida, stampata in 60mila copie (di queste 10mila allegate ad una rivista di nicchia ed altre 40mila in distribuzione in giro per l’Italia presso i vari Comitati Arci Gay) con i principali eventi fino alla manifestazione nazionale, in vista della quale già in 15 città italiane si stanno organizzando pullman.

Mentre l’ultima messa a punto del percorso del corteo del 27 giugno sarà definita in una riunione in prefettura la prossima settimana, sono ancora top secret i nomi degli ospiti che saranno sul palco all’arrivo in piazza De Ferrari prima del grande party «Keep on loving» alla Fiera del Mare di Genova.

«L’Italia con la Grecia è fanalino di coda nel riconoscere i nostri diritti – ha affermato il portavoce del Genova Pride Alberto Villa -. Se il Pride non sarà sufficiente ricorreremo ai picchetti all’americana. Lo Stato italiano è laico e noi chiediamo il riconoscimento dei diritti allo Stato, non al Vaticano. Siamo tutti uguali di fronte alla legge, così come lo siamo di fronte a Dio».

Gli organizzatori del Genova Gay Pride invitano i commercianti della città ad acquistare i kit (dal costo di 50 euro) con bandiere ed espositore della manifestazione «per dare un contributo alla promozione». «Sono 150 i commercianti ad oggi hanno aderito – ha detto il portavoce del Genova Pride – è una buona risposta, ma alcuni esercenti che si trovano sul percorso del corteo ci hanno detto di non acquistare il kit perché l’afflusso lo avranno comunque. È vero, ma è vero anche che stiamo facendo grandi sforzi per la promozione dell’evento ed anche il loro aiuto è per noi prezioso, oltre al fatto che sarebbe veramente bello vedere tutta la città imbandierata». I commercianti che aderiranno saranno inseriti in una mappa che verrà distribuita in migliaia di copie. Ai partecipanti del Pride sarà invece distribuito un braccialetto che darà loro la possibilità di ottenere sconti nei negozi «gay friendly».

Intanto in occasione del corteo del 27 Palazzo Ducale resterà aperto con le sue mostre ed i suoi eventi fino a mezzanotte, così come i Musei di Strada Nuova.

Al via dal 13 al 28 giugno il Genova Pride Village, un luogo di incontro nell’area del porto Antico per la comunità Lgbt (lesbian, gay, bisex e trans) che si apre alla città dove sarà possibile prendere un aperitivo, cenare, ascoltare musica, fare shopping, partecipare alla presentazione di libri, assistere a spettacoli di cabaret o ballare fino a tarda notte. Guest star della serata di apertura, sarà Arisa e proprio la sua “Sincerità” potrebbe diventare l’inno del Pride Village (una richiesta in questo senso sara´ fatta dagli organizzatori).

Sul palco il 13 sarà anche Jo Squillo, oltre a volti della tv come Antonio Berardinelli, Max Loriga e Dennis Fantina, e la presenza della drag queen Agatha Hinmann. Tra gli altri appuntamenti si segnala il concerto di Dolcenera il 24. Il progetto del Village, che nelle intenzioni degli organizzatori sarà ripetuto ogni anno – si prefigge di portare in città, per la prima volta, un’iniziativa che ha già riscosso grande successo a Roma (300 mila partecipanti all’ultima edizione) e a Padova (60mila partecipanti).

In concomitanza col Village – ha spiegato il portavoce Alberto Villa in una conferenza stampa – ci sarà, sempre al Porto Antico, anche il Festival multietnico Suq, con uno scambio di collaborazioni che faranno di Genova «un luogo dove le differenze si integrano veramente, una città dei diritti».

LINK:  http://www.genovapride.it/