Home » Articoli & News » Si sdrai per favore. A tu per tu con la psicologa Vladimir Luxuria

Si sdrai per favore. A tu per tu con la psicologa Vladimir Luxuria

Una recensione dello spettacolo di Vladimir Luxuria Si Sdrai per favore scritta da Enrico Zoi e pubblicato su www.iltrillodeldiavolo.it

Lezioni semiserie di sesso quelle di Si sdrai per favore, ultimo spettacolo di Vladimir Luxuria e Roberto Piana, diretto da quest’ultimo e interpretato da Luxuria e Fuxia (partecipazione medico-spettacolare la sua), in scena il 17 e 18 dicembre 2009 al Teatro Puccini di Firenze. Occhi degli spettatori puntati su una Luxuria in gran forma, agghindata a colori con un look che ben incrocia Anna Marchesini (la cofana!), Luciana Littizzetto e volendo anche Paolo Poli. Occhi di Luxuria puntati sugli spettatori, spesso coinvolti o con domande ad personam, o con azioni sul palco (il bacio di coppia in diretta), o con chiamate a rapporto sul classico lettino.

Si sdrai per favore, appunto. Il tutto inframezzato (per non cadere nei rischi della prolissità di un Luxuria one man band) dagli interventi variopinti e musicali di una improbabile assistente di nome Fuxia, star inibita e frustrata, nonostante si vesta di volta in volta dei panni di Jessica Rabbit, Patty Pravo e Raffaella Carrà.

Tra battute politiche e frecciate bipartisan a uomini e donne, tra interviste volanti e micromonologhi d’autore, tra disegni genitali opera dei malcapitati spettatori e allusioni verbali più o meno esplicite, lo show di Luxuria si muove con disinvoltura, capacità di cogliere gli umori del pubblico, esilarante (auto) ironia e capacità di sdrammatizzare i tabù del sesso.

Il cattivo gusto è bandito, la volgarità è un ricordo di altre situazioni, a questa estranea, come le facili soluzioni. La terapia di gruppo condotta da questa bizzarra professoressa dell’università romana di Lasolunga non porta a niente: il segreto del sesso non lo scopriremo mai. E forse è meglio così, viene voglia di dire.

Chiusa la seduta, Luxuria si congeda dal suo pubblico con una fiaba piccola piccola per ricordarci che non è il sesso che fa male, ma corrergli dietro!