Home » Movimenti & Iniziative » Giornata internazionale contro la transfobia, Vladimir Luxuria a Lecce

Giornata internazionale contro la transfobia, Vladimir Luxuria a Lecce

Un’articolo di Elisabetta Paladini
fonte: lecce.ilquotidianoitaliano.it 

(16 novembre 2011)LECCE- Il 19 novembre 2011, alla vigilia del TdoR (Transgender Day of Remembrance) giornata internazionale per la commemorazione delle vittime dell’odio e del pregiudizio anti-transgender, Agedo Lecce (Associazione genitori, parenti e amici di persone omosessuali), con la collaborazione del CSV Salento, organizza per la prima volta in Puglia e in tutto il Centro Sud Italia un’iniziativa per parlare della vita delle persone transessuali. Un incontro per capire senza il filtro dei pregiudizi, per assistere a brevi filmati che riescano ad informare la cittadinanza su un tema ancora molto delicato e sicuramente poco trattato. (qui tutte le info sull’evento)

vladimir_luxuria_transfobia_Giornata-Lecce

Chi sono le persone transessuali? Che cosa pensano? Cosa sognano? Come vivono? Quali sono le loro difficoltà? Quali le loro paure? Quali i loro racconti? A queste e altre domande si cercherà di dare una risposta nell’incontro del 19 novembre a Lecce presso la Sala Polifunzionale “Open Space Lecce Giovani”- Palazzo Carafa in piazza Sant’Oronzo alle ore 16,30, con un format tutto particolare che sfrutterà le modalità comunicative tipiche del talk show per mettere a confronto competenze ed esperienze differenti, sollecitando il pubblico al confronto.

Le persone transessuali sono spesso state e sono ancora vittime di comportamenti aggressivi e violenti (transfobia) che a volte si concludono in modo tragico. È accaduto così anche a Rita Hester, una transessuale afroamericana il cui assassinio, avvenuto nel 1998, è rimasto ancora irrisolto. Lo stesso anno, Gwendolyn Ann Smith avviò un progetto web in suo ricordo, “Remembering Our Dead” e, nel 1999, organizzò una veglia a lume di candela a San Francisco. Da allora l’evento è cresciuto fino a comprendere commemorazioni in centinaia di città in tutto il mondo. Così, il 20 novembre di ogni anno è diventato il TDoR – Transgender Day of Remembrance – una ricorrenza della comunità LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) per commemorare le vittime dell’odio e del pregiudizio contro le persone transessuali. La giornata contro la transfobia è diventata, quindi, un evento internazionale.

Tra gli ospiti della giornata di sabato, Vladimir Luxuria, attivista e scrittrice. Alla conferenza stampa interverranno: Alessandro Taurino, docente di Psicologia Clinica all’Università ?Aldo Moro? di Bari; Gianfranca Saracino, presidente di Agedo Lecce; Serenella Pascali, Ufficio stampa CSV Salento

Durante la conferenza stampa saranno distribuiti materiali di approfondimento sulla condizione delle persone transessessuali e sulla Giornata internazionale contro la transfobia.

«Consideriamo questo incontro di riflessione, di conoscenza e di sensibilizzazione –spiega Gianfranca Saracino, presidente di Agedo Lecce – il nostro tributo operativo alla commemorazione delle vittime dell’odio transfobico. All’Agedo, da qualche tempo, sia a livello nazionale sia a livello locale, si stanno avvicinando genitori di persone trans che chiedono aiuto e la possibilità di confrontarsi, di capire di sapere. Pensiamo quindi, con un’informazione  corretta di dare una mano a prevenire e ridurre i pregiudizi. La conoscenza è fondamentale, è essa stessa prevenzione e cura. A Lecce ad esempio alcuni trans non escono di casa neanche per fare la spesa per non subire, come sempre accade, ingiurie di ogni tipo».

«Del transessualismo – le fa eco Alessandro Taurino docente di Psicologia Clinica all’Università “Aldo Moro”di Bari – se ne parla solo nei fatti di cronaca  e molto male. È importante capire che il transessualismo è una delle varianti dell’identità di genere ed è cosa diversa dall’orientamento sessuale. Con la giornata del 19 novembre, vogliamo aprire uno spazio di parole su transessualismo e transfobia e fare un’operazione di alfabetizzazione per capire quali sono i sistemi della realtà sbagliati che portano al pregiudizio».