Home » Cultura & Spettacolo » Coming out a fumetti: dalla DC Comics il primo personaggio transgender

Coming out a fumetti: dalla DC Comics il primo personaggio transgender

Comics americani sempre più gay friendly. Dopo Batwoman Lesbica, il coming out clamoroso di Lanterna Verde e le nozze Gay tra Northstar e Kyle spunta Alysia Yeaho: il primo personaggio transgender.

Astonishing X-Men n.51 - Il Matrimonio tra Northstar e KyleLa sensibilità delle nuove generazioni nei confronti dell’identità di genere è molto più semplice e naturale di quanto qualsiasi cervellotico legislatore (sopratutto italiano) potrà mai immaginare. Mentre i nostri grigi ultrasessantenni affezionati alla loro idea di famiglia-tradizionale (in cui spesso la moglie lava i piatti mentre il papà va a caccia di trans) discutono sullo shock che le coppie omosessuali dovrebbero provocare nelle delicate menti dei più giovani, quest’ultimi leggono fumetti in cui gay, lesbiche e ormai anche trans, non solo spuntano come funghi, ma diventano protagonisti e/o personaggi chiave di quelle storie.

Dopo il primo matrimonio gay, targato Marvel, tra i personaggi Northstar e Kyle (nel numero 51 di “Astonishing X-Men” di cui potete vedere la copertina a destra) e la proposta di matrimonio di Batwoman all’androgina poliziotta Maggie Sawyer (di cui postiamo un bell’artwork a sinistra), possiamo annoverare il clamoroso coming out di Alan Scott a.k.a. Lanterna Verde, il protagonista assoluto della nota serie DC Comics che distrugge ogni stereotipo: essere omosessuale non gli impedisce di salvare la terra, uccidere i cattivi e sfoderare i suoi muscolosi superpoteri.

Lanterna Verde e il suo CompagnoI’m transgender, Barbara. Sono queste le parole che usa Alysia Yeho, amica di Batgirl e personaggio chiave della trama del fumetto. Nell’atmosfera confidenziale di un salotto di casa Alysia trova il momento giusto per svelarsi alla sua amica confessando che “è già da un po’ che cerco di dirtelo”. Batgirl (al momento “in borghese”) per un attimo è sorpresa – forse non se lo aspettava dalla compagna di suo fratello – ma subito abbraccia e consola la sua amica, che dice di amare, ne più ne meno come prima della rivelazione. Dopo gay e lesbiche, spunta dunque il primo personaggio transgender nel mondo dei fumetti mainstream.

In verità nel mondo dei comics underground – spesso alternativi e irriverenti – sono presenti da sempre personaggi dall’identità sessuale sfaccettata, indefinita o mutante, ma mai si è trattato di personaggi principali e soprattutto mai si trattava di fumetti maistream come la Marvel o la DC Comics. Questa svolta è senza dubbio frutto di esigenze commerciali: la necessità di livellare le storie e definire le identità dei personaggi in base alla sensibilità dei lettori. Ma proprio per questo segnano i tempi con una forza ancora maggiore: lo scopo di DC Comics e Marvel non è di certo scandalizzare l’opinione pubblica per farsi pubblicità: sono le case principali dei fumetti americani che vendono milioni e milioni di copie ogni anno da 60 anni. Sono al contrario uno specchio della società e del pensare comune, un pensare che i nostri attuali legislatori non possono nemmeno (sig!) percepire.

Ecco le due (commoventi) tavole che raccontano il dialogo tra Alysia e Barbara Gordon a.k.a. Batgirl