Home » Articoli & News » Tanti ricordi mi legano a Don Gallo

Tanti ricordi mi legano a Don Gallo

Grazie per averci fatto sentire amati da Dio

La scomparsa di Don Gallo è molto di più della perdita di una persona cara. E’ qualcosa di più vasto, più profondo, il primo ad aver definito le persone transessuali come figli di Dio: ci accarezzava il viso, ci stringeva la mano. Ha aperto la sua chiesa a tutti e tutte.

Tanti ricordi mi legano a lui, tutti i pride a cui abbiamo partecipato assieme stando dietro lo striscione di inizio corteo… ricordo un concerto per il suo compleanno al Porto Vecchio di Genova… tutti i dibattiti che abbiamo afrontato insieme sui diritti civili… L’ultima volta che ho presentato il mio libro a Genova – durante il Suq festival – don Gallo è salito sul palco e ha dichiarato “io questa donna la sposo!”.

Papa Francesco ha chiesto ai fedeli se avessero mai toccato la mano alle persone a cui fanno l’elemosina… ecco, Don Gallo era qualcuno che entrava sempre in contatto con chi chiedeva… non solo denaro, ma rispetto, diritti civili, amore. Manca già tantissimo.

Don Gallo, grazie per averci aperto le porte della tua chiesa e del tuo cuore. Ci hai fatto capire che una chiesa che non caccia nessuno è possibile. Grazie di averci accarezzato. Grazie adi aver fatto sentire noi creature transgender volute da Dio e amate da Dio. Ci auguriamo che tanti seguano il tuo esempio e che qualcuno ti chieda scusa.

Vladi