Home » Articoli & News » La festa della Donna significa Orgoglio anche per le Transender

La festa della Donna significa Orgoglio anche per le Transender

L’8 marzo 2014 è la Giornata internazionale della donna. Cosa significa essere una donna oggi? Cos’è la femminilità? Esiste una vera parità di genere? Cosa ne pensa Vladi, in un’intervista per gay.tv

Che significato ha la Festa della Donna per una donna transgender?
Per me, è la festa di una femminilità che ho dovuto lottare per accettare negli anni dell’infanzia, per poi decidere che non era qualcosa da tenere nascosto con un senso di colpa. Non è un crimine sentirsi donna anche se non sei nata donna biologicamente.
E poi è stato un terreno di conquista: lottare per difendere questa creatura che avevo dentro e che ho tirato fuori. Questa è la festa dell’orgoglio della donna. Celebra la fortuna di essere nate donne. Non bisogna mai e poi mai pensare – nonostante ci siano ancora molti problemi di pari opportunità- che nascere donne sia una sfortuna. Come è vista in tante culture e, ancestralmente, anche nella nostra – i famosi “Auguri e figli maschi”. Essere donna è bello e sono belli tutti i modi di sentirsi tale.

Oltre al maschilismo degli uomini, ne esiste uno “alla rovescia” delle altre donne verso le donne transgender?
Io con le donne ho sempre avuto un ottimo rapporto, anzi, nonostante non sia attratta sessualmente da loro, credo di nutrire per loro molto più amore di tanti uomini. Uomini che magari sono attratti -anche sentimentalmente- da loro, ma mancano di rispetto. Un uomo attratto da una donna che la maltratta, ne abusa, usa violenza o fa stalking è un uomo che non ama le donne. Io sono cresciuta con le mie zie, le amiche, il mio mondo era tutto al femminile. Anzi, a scuola, se prima in una classe di maschi ero vittima di bullismo, passando a una classe mista sono stata presa sotto l’ala protettiva delle mie compagne.
Purtroppo, sì, ci sono delle eccezioni, ricordo la triste vicenda della Gardini, che a Montecitorio fece storie sull’uso dei bagni delle donne per i transgender. Ma le donne egoiste ed aggressive sono davvero delle eccezioni.

Un messaggio alle nostre lettrici transgender?
La libertà non ha prezzo. E se il costo a volte può essere perdere qualcuno… sappiate che non era né un vero parente né un vero amico. Avrete, però, anche qualcuno che si avvicina. Siate orgogliose e tirate fuori la vostra vera natura. Vorrei anche dare un messaggio a tutte le donne.

Prego.
Una legge elettorale che non prevederà la parità di genere… non è un bel modo per festeggiare l’8 marzo.